In Tuscia da Orvieto a Montalto

Written by admin on . Posted in Ciclostorie Ztl

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

wp_20161126_10_05_39_proDomenica mattina presto abbiamo preso il treno alla stazione Tiburtina e prima delle 9 già eravamo sui pedali.

Freddino, nebbia e 4 km di salita per salire dallo scalo alla bellissima cittadina umbra.

Dopo una prima colazione in piazza Duomo e un vano tentativo di visitarlo (era in corso una S.Messa e le visite sono proibite), picchiamo in discesa per inerpicarci lentamente sulla SS71 (umbro-casentinese) in direzione Montefiascone.

Dopo pochi km svoltiamo a sinistra verso Bagnoregio, sempre in salita a tratti abbastanza dura, attraversiamo piccole frazioni e solitari altipiani prima di raggiungere la cittadina che sovrasta la famosa “Civita”.

Ne rimaniamo al di fuori perchè le bici non possono entrare e, dopo qualche foto, mangiamo e ci riscaldiamo al sole.

Quando ripartiamo c’è ancora un po’ salita, ma presto iniziano dei  fantastici saliscendi (un po’ più scendi) che invitano ad una velocità più sostenuta. A tratti sulla destra vediamo Montefiascone che si affaccia sul lago di Bolsena, ma noi proseguiamo dritti in direzione Viterbo.

Circa 6 km prima svoltiamo a sinistra per l’antica città di Ferento di cui rimane il bellissimo teatro, le terme e il decumano, e ususfruiamo di una visita guidata di un’ associazione che volontariamente gestisce il sito: oltre che ben fatta la visita è anche ad offerta libera.wp_20161126_14_36_27_pro

Finita la visita sono le 15.00 e gli ultimi 15 km li facciamo un po’ di corsa per non arrivare col buio.

All’agriturismo, come sempre accade, siamo accolti fantasticamente e possiamo tranquillamente rilassarci, rifocillarci e, infine, riposarci.

La mattina dopo partiamo con calma verso le 10,30 e visitiamo alcune delle bellezze di Tuscania su cui primeggiano la chiesa di S.Pietro e il belvedere di Torre Lavello.

wp_20161127_11_34_44_pro

Dopo un caffè torniamo in sella e prendiamo la strada per Canino: è bellissima, solitaria e squisitamente pedalabile.

Boschetti di querce e radure si alternano e raggiungiamo prima Arlena di Castro e poi Tessennano dove mangiamo dei panini al sole su una panchina all’inizio dell’abitato. Entrambi i paesi di Domenica all’ora di pranzo sono fantasticamente silenziosi e vuoti.

Ancora qualche salitella e raggiungiamo Canino, da qui fino a Montalto è quasi tutta discesa, leggermente più trafficata ma comunque bella.

Arriviamo un’ora prima del treno delle 16,18 e…….. purtroppo il bar della stazione la domenica è chiuso!

A proposito, il tramonto sul mare che vediamo dal treno è strabiliante!

 

Questa volta hanno pedalato:
  Francesca e la sua Lomabardo touring Sora (modificata con la tripla)
  Giacomo-JackLumino con la sua Cinelli Hobootleg mixed Salsa Woodchipper
  Gianpi e la sua Bressan verdegialla

Tags: ,

Trackback from your site.

Leave a comment

Brompton

Compatta e stabile nonostante le ruote da 16”, una bici sola con virtualmente infinite configurazioni... Leggi tutto

Ortlieb

Belle, colorate, robuste, impermeabili al 100%: dai un'occhiata alle borse Ortlieb!
Vai alla pagina con tutti i modelli

Dahon

Sono ormai 30 anni che questo marchio, originario della California, produce biciclette di qualità per gli spostamenti in città. Presenta biciclette pieghevoli con ruote da 16,18,20,24,26 pollici.... Leggi tutto

Abus

Abus è sinonimo di sicurezza per le bici, (le moto)... e la vostra testa: insomma ciò a cui tenete!
Vai alla pagina con i prodotti Abus