Chi siamo | Dove siamo | Contatti

ZTL-bici | Biciclette e accessori
Largo Val d'Ala 9 - 00141 Roma
tel. 06.88327105 - 349.6825953

Cicloscampagnata Francigena

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Cicloscampagnata Francigena (13-14 maggio 2017)

In fondo il richiamo della “Francigena” ha funzionato. A partire siamo stati in dieci con bici che spaziavano dalla MTB XC alla stradale quasi pura. Partiti praticamente puntuali (8,20), imbocchiamo la Salaria fino a Castel Giubileo (è sicuramente il tratto meno affascinante) e, con il ponte ciclo-pedonale sotto il GRA, sbuchiamo a Labaro-Prima Porta.

Qualche stradina e un pezzetto di “Giustiniana” ci portano alla bella via di S.Cornelia che, con scorci di campagna romana, ci scarica praticamente a Formello. Qui ci fermiamo ad un noto bar frequentato da ciclisti “probabilmente” esperti e sicuramente appassionati di roba tecnica.

Ancora stradine ed arriviamo a Campagnano dove, sono circa le 11,30, iniziamo a sentire i profumini delle trattorie ma, in fondo, ci accontentiamo di una fontanella.

Usciamo dal paese con una pendenza del 25% circa (duretta per chi non ha i dischi…) e ci si infila in una tratto di bosco molto suggestivo e fresco.

Qui le “sgasate” di Vallelunga sembrano a portata di mano per quanto si sentono nitide, tuttavia, non vediamo nessuna pista o moto.

Continua la sterrata in una campagna sempre più aperta (passiamo anche per il parco di Vejo e per la Riserva del Treja) e con innumerevoli saliscendi a tratti anche su asfalto, in ogni caso sempre impegnativi) proseguiamo seguendo i (quasi) sempre presenti segni e il GPS di Giacomo.

IMG_20170513_121152_resized_20170514_042851327La fame inizia a farsi sentire e, dopo un momento di smarrimento, intuiamo che da li a pochi km la pappa è vicina. Attraversiamo la Cassia con un cavalcavia all’altezza di Monterosi ed entriamo “trionfanti” nell’omonimo villaggio dove un forno ben attrezzato ci tiene a bada. Sono circa le 13,30

La piazzetta circolare si presta ad accoglierci un po’ stravaccati qua e la’, chi rintanato all’ombra, chi in pieno sole, infine, un baretto ci aiuta con caffè e dolcetti e con un bagno decente.
Dopo circa un’ora ripartiamo imboccando “via di Sutri vecchia”, principalmente sterrata ma molto piacevole. In breve ci ritroviamo sulla Cassia appena prima di Sutri e ne percorriamo qualche km fino a Capranica dove ci fermiamo per una sosta tecnica e capire bene dove abbiamo ciccato la svolta (secondo la nostra traccia non avremmo dovuto essere li…).

Con belle pendenze usciamo dal paese e imbocchiamo altre sterrate, che ci tengono vagamente paralleli alla Cassia.

Alcuni attraversamenti della linea ferroviaria ci fanno capire che siamo quasi a Cura di Vetralla e, individuato il punto “esatto”, 4 di noi (Massimo2,Paolo,Alberto e Simone) deviano verso la Stazione per tornare a Roma. (sono circa le 16 e abbiamo fatto 70km).

In 6 proseguiamo per  stradine asfaltate fino al centro di Vetralla dove la sosta ad un bar per un gelato è quasi un obbligo.

Qui possiamo spegnere i GPS, lasceremo il tracciato Francigeno vero e proprio per deviare leggermente e raggiungere la Bicoca con un bel falsopiano in discesa su asfalto, praticamente una pacchia totale.

Dopo la solita fantastica accoglienza della famiglia Ascenzi ed una cena di livello assoluto i 93km si fanno sentire e la nanna è a tratti potente.

L’indomani mattina, una colazione abbondante e la Vetrallese ci portano a Tuscania dove imbocchiamo la SP “Tarquiniese”.

Dopo pochi km deviamo sulla sinistra per il borgo agricolo di Montebello per una strada ondulata dapprima asfaltata e infine sterrata (bellissima!) che ci porta a pochi km dalla città etrusca.

La voglia di spaghetti con le vongole ci fa puntare dritti a mare dove, in effetti, il sogno si concretizza ( a dire il vero c’era anche una frittura ed un buon bianco di rifinitura…)

 

Un treno soppresso ci ha portato a Roma Termini verso sera.

 

clicca qui per vedere qualche foto/video

Hanno partecipato volontariamente:

Anastasia e la sua Lombardo marathon Amantea

Patrizia e la sua Trek Mtb supercarica

Massimo e la sua Surly allroad verdina

Paolo e la sua Cinelli Racing gp

Luca e la sua Cinelli Gazzetta della Strada allroad

Jack Lumino e la sua Specialized megatrip

Massimo2 e la sua MTB trek Xc carbon

Alberto e la sua Touring SLX

Simone e la sua Cinelli Hobootleg carbonroad

Gianpiero e la sua transappenninica Bressan

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *